EXPERIENCE HEXBEAM

PERCHE’ HO COMPRATO LA HEXBEAM ORIGINALE

di  Alberto IK3AVM

Ho una certa dimestichezza con i tetti… giocare con le antenne mi è sempre piaciuto, autocostruirle anche.
Ad un certo momento mi è venuta voglia di provare anche la HexBeam, facendomela da solo naturalmente.
Volevo assolutamente la HexBeam per tre motivi:

– ha sei gamme risonanti; quando cambi gamma alla radio e non c’è niente da toccare, dai 20 ai 6 metri
– è una direttiva a due elementi per gamma, che fa concorrenza a quelle enormi (bellissime!) cancellate in alluminio
– è leggera e simmetrica; non serve un motore da un cavallo per girarla e prende il vento come uno scherzo

Per accingermi all’ autocostruzione ho letto prima tutto quello che esiste in rete (karinya.net ha tutti i link, ma le notizie che si trovano sul web sono infinite).
Volevo una cosa fatta bene, quindi mi sono fatto tagliare la piastra di base esagonale in alluminio, mi sono procurato tutti gli accessori e le dodici canne da pesca in fibra di vetro (dodici perchè ogni braccio l’ho fatto con due canne opportunamente infilate, eliminando la parte terminale sottile).
Fare il tubo coassiale centrale (a 50 ohm!) con le prese laterali isolate per i fili è un lavoretto molto impegnativo, ma l’esperienza poi paga sempre e non si quantifica.
Poi filo, fascette, cordicelle, eccetera eccetera, tutto quello che serve.
Devo dire che la taratura, non potendo volare come un pipistrello fra i fili quando l’antenna è alta sul palo, è stata molto laboriosa ma alla fine è venuto un buon lavoro.
In ogni caso l’analizzatore d’antenna è tassativo; è masochistico provare a fare la Hex se non si ha questo strumento.
L’antenna ha ricetrasmesso con soddisfazione (esattamente come ci si aspetta da una direttiva due elementi) per due anni e mezzo, resistendo a burrasche ventose notevoli.
Ho speso 50 € per la piastra, 145 € per le canne, 12 € per i cavallotti, 12 € per il filo, 25 € per le fascette inox, 15 € per il tubo coassiale centrale, 10 € varie per un totale tondo di circa 270 €.
Quindi 270 euri spesi bene? No, 270 euri spesi male (a parte il divertimento e l’esperienza, quelli restano di immenso valore).
Spesi male perchè dopo due anni e mezzo di giacenza sul tetto le canne da pesca cinesi erano cotte dal sole e l’ennesima burrasca estiva (molto forte, nella mia zona!) ha semidistrutto l’antenna.
I soli colpevoli sono stati i raggi UV, ma per quelli non potevo farci niente.
(Avrei dovuto pazientare e farmi spedire dalla Germania le canne Spiderbeam e sarebbe andata meglio, ma non avevo voglia di fare questa operazione).

Visto che l’antenna andava benissimo per le mie esigenze ho deciso alla fine di prendermi la HexBeam originale, quella di MW0JZE (G3TXQ), con le canne serie e a prova di UV.
Ho visto e valutato anche le Hex della concorrenza, ma non c’è paragone: la MW0JZE è costosa ma vale il prezzo.
(La differenza con un’altra nota Hex commerciale, che costa molto meno, è abissale).
Ho contattato Giorgio (IZ3KVD, Hamproject) e sono andato a prendermi la Hex gallese, compresa delle barre di rinforzo.
Il montaggio, se si fanno le cose per bene, è molto più lungo del previsto (c’è chi dice che si monta in un’ora… ma quando mai!) ma è divertente e si apprezza la qualità dei componenti, veramente di livello professionale.
Ora l’antenna è sul palo, esattamente al posto della sua defunta mamma, quella fatta da me con le canne cinesi.
Elettricamente funziona allo stesso modo e mi è costata molto più del doppio, però adesso per un pezzo (spero…) me ne rido dei raggi UV e ho la soddisfazione di vedere un’antenna fatta come si deve.
La risonanza sulle gamme non è perfettamente centrata su tutte, ma avere un minimo (ho detto un minimo) di onde stazionarie non ha alcuna importanza e del resto ciò dipende dal sito di installazione: Anthony (MW0JZE) quando taglia i fili non può sapere dove e come la monterò io!
Alla fine sottolineo che non ho alcun interesse a propagandare l’antenna gallese, proprio nessuno, di nessun tipo, neanche un euro di sconto.
Ma mi piace rendere pubblico quello che penso delle HexBeam in generale, per diretta esperienza sul campo; magari è utile a qualcuno.

Alberto, ik3avm